giovedì 24 giugno 2010

Spam: l'Italia sempre più bersagliata

MessageLabs, ha rilasciato ieri il suo "Intelligence Report" per il mese di giugno 2010; molti dati interessanti emergono dalla lettura di questo rapporto.

Intanto si evince che, secondo i dati di MessageLabs per il mese di maggio, in Italia abbiamo una percentuale di mail di spam abbastanza più alta della media mondiale ed in particolare ci piazziamo al secondo posto al mondo con un livello di spam di quasi il 93%. Cioè meno di una mail su dieci che riceviamo si qualifica effettivamente come messaggio diretto a noi, il resto è la solita immondizia.

Ho trovato inoltre interessante, sempre dal punto di vista dei numeri, la valutazione della "potenza di fuoco" della botnet Rustock (la più grande botnet in attività per lo spam) che con i suoi 2 milioni di PC infetti riesce a "sparare" circa 30 milioni di mail al minuto.

Infine, dal punto di vista tecniche utilizzate dagli spammer, emerge chiaramente che l'inserimento alcune parole correlate alle notizie più importanti sia una modalità che paga dal punto di vista del tasso di evasione dai filtri antispam. 

In particolare, come ampiamente annunciato da tutte le fonti, il trend dell'utilizzo di testi correlati ai mondiali di calcio sta arrivando ai massimi livelli con percentuali che, a metà maggio, hanno sfiorato il 25% del totale dello spam.

Insomma, va bene che il calcio interessa quasi tutti, ma quando riceviamo una mail che ci "tenta" con un titolo sui mondiali, buttiamola via perché la probabilità che sia spam o phishing è così alta che davvero non ne vale la pena.

Nessun commento:

Posta un commento

http://www.wikio.it